Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Onferno’ Category

Riserva naturale di Onferno

La Riserva Naturale Orientata di Onferno, istituita nel 1991, si sviluppa su 274 ettari all’interno del Comune di Gemmano. Il cuore pulsante della riserva è costituito da grotte sotterranee scavate nel gesso dallo scorrere millennario di acqua nel sottosuolo. Le grotte sono abitate da una particolare fauna e da una numerosa colonia di pipistrelli costituita da circa 7000 esemplari appartenenti a otto diverse specie.

Le grotte sono un habitat naturale per questi organismi adattati a vivere nell’oscurità, ogni anno nascono migliaia di esemplari per cui questa di Onferno si può considera una delle più popolose colonie di chirotteri (pipistrelli) della regione.

L’estensione delle grotte è di 700 metri, dei quali sono visitabili, negli orari previsti e su prenotazione, circa 300 metri. La visita richiede la dotazione di casco protettivo e lampada, il percorso in grotta prevede l’accompagnamento di una guida esperta. La temperature all’interno delle grotte è di circa 12 gradi.

Presso il Centro visite della Riserva si trovano il Museo Naturalistico e il Museo Multimediale, entrambi gestiti, con la Riserva Naturale di Onferno, dall’Associazione WWF Rimini. Alle attività didattiche è dedicato il Centro di Educazione Ambientale Cà Gessi.

 Il Centro visite della Riserva si trova nell’antica Pieve di Santa Colomba. Qui i visitatori ricevono tutte le informazioni relative alla riserva e al territorio circostante. Nel Museo Naturalistico gli ospiti possono compiere un viaggio alla scoperta delle caratteristiche geologiche e faunistiche della Riserva. Nel Museo Multimediale sono ospitate conferenze, esposizioni, proiezioni.

 

Annunci

Read Full Post »

Le grotte di Onferno

L’entroterra romagnolo è senza dubbio uno dei luoghi più affascinanti dell’Italia settentrionale: nel giro di pochi chilometri si possono visitare l’antica Repubblica di San Marino che si stende intorno al Monte Titano, il castello Malatestiano di San Leo, Santarcangelo di Romagna, le Grotte di Onferno (nel comune di Gemmano), il castello d’Albereto e vari ricchi borghi antichi.

Immersi nel verde della Valle del Conca si trovano anche ottimi agriturismi dove sostare piacevolmente per il pranzo.  Qui predominano i cibi semplici, legati alle tradizioni e al passato. Per chi vuole soggiornare per brevi periodi molti agriturismi mettono a disposizione dei clienti comodi bungalow con camera da letto con tv, frigo bar, bagno privato e angolo cottura. Chi è arrivato in questa zona deve effettuare anche una visita alle splendide grotte della Valle di Onferno, una valle dall’aspetto selvaggio dove sembra che l’uomo non abbia mai posto piede con il fosso del Burano e la Ripa della Morte,  ricca di calanchi e di dirupi.

Le grotte sono state originate dall’erosione prodotta da un torrente sotterraneo sulle numerose vene di gesso che si trovavano in questa zona, arrivano ad una profondità di 70 metri e sono ricche di formazioni cristalline chiamate “perle di grotta”. Una visita particolare merita anche la Sala Quirina con i suoi enormi “mammelloni”. Le grotte sono popolate di pipistrelli che durante il giorno pendono silenziosi dai soffitti e di notte volano alla ricerca di cibo. Da visitare sono anche la ex pieve di Santa Colomba, attuale Centro Visite, il Museo Naturalistico Multimediale e il Giardino della flora collinare. Nel 1991 è stata realizzata la Riserva Naturale Orientata di Onferno.

Read Full Post »