Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 17 agosto 2009

Il castello di Coriano

Il Castello di Coriano si trova a pochi metri dal centro cittadino. Purtroppo non si hanno molte notizie su questa antica rocca molto trascurata in passato dagli studiosi dell’arte e della storia locale. La sua data di costruzione non è nota, si sa solo che nel 1371 Coriano era ancora un semplice villaggio fortificato privo di castello. Nel 1463 il signore di Rimini, Sigismondo Malatesta, non era ancora in grado di costruire nuovi castelli nei suoi possedimenti poiché era uscito perdente dalla guerra contro le truppe pontificie. Nella prima metà del quattrocento sono ristrutturati dai Malatesta alcuni castelli, per cui probabilmente in questo momento si costruisce la Rocca di Coriano. L’entroterra romagnolo, infatti, è ricco di rocche, castelli e torri, molte delle quali erette a scopo di difesa della regione. Il Castello di Coriano si trova in uno dei punti più alti del paese, essendo quello più alto in assoluto occupato dalla Chiesa parrocchiale. Il paese si era sviluppato in senso lineare intorno ad una strada principale e alla stazione di posta. La chiesa era stata collocata nel punto dominante anche se lontana dalla strada principale e dalla piazza del paese. Un’importante testimonianza scritta è quella del provveditore Malipiero che nel 1504 predispose una dettagliata relazione sullo stato di Rimini e delle sue Rocche, nel momento in cui questo territorio era passato sotto il dominio di Venezia. Dalla relazione si evince che il castello aveva una sola porta d’accesso, che era circondato da una scarpa alta sette passi e che le mura avevano un perimetro di 194 passi. Il castello fu parzialmente distrutto nel gennaio 1512 quando una lega composta di principi cattolici costituita per combattere i Mori in Africa scelse con luogo in cui riunirsi questo territorio. L’esercito spagnolo, proveniente dal Regno di Napoli, doveva riunirsi con quello pontificio e quello veneziano e le popolazioni locali dovevano ospitare e vettovagliare le truppe. Coriano ospitò e vettovagliò il capitano Pietro Navarro, quando però chiese ospitalità anche il capitano spagnolo Giovanni Rovina i corianesi, ormai privi di risorse, rifiutarono il loro aiuto. Il comandante Rovina ordinò l’assalto del castello che subì danni rilevanti alla porta e ad alcune strutture. Il castello poi fu assegnato ai fratelli Giovanni e Roberto Passatelli di Imola con un atto del papa Clemente VII in data 24 agosto 1528, per il loro aiuto e il loro sostegno contro i Malatesta. Passò poi alla Camera Apostolica fino al 1605 e infine ritornò a Rimini.

Annunci

Read Full Post »