Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 2 marzo 2009

Santuario della Madonna di Saiano

Chi desidera arricchire le proprie passeggiate nell’entroterra romagnolo con la visita a luoghi sacri o di culto può recarsi al Santuario della Madonna di Saiano che si trova nel Comune di Torriana. Il Santuario, che era stato costruito sui resti di un antico tempio pagano, si innalza su una rupe calcarea quasi a dominare le verdi colline circostanti. La rupe è circondata da un bosco di querce con roverella e con orniello  e un ricco stato di arbusti dove primeggiano il pungitopo, la lonicera etrusca e la clematis flammula, il ciclamino. Sulla roccia, di origine organogena (si trovano impronte di molluschi bivalvi), crescono arbusti e alberi sempreverdi come il leccio, la fillirea il falso pistacchio, l’edera ricopre la rupe per molte decine di metri. Anticamente il luogo era sede di un Castrum appartenente ai principi di Carpegna e di cui si hanno notizie sin dal 962.

p1000775

Chiesa della Madonna di Saiano

Il piccolo complesso di Saiano è costituito da una chiesa con una cappellina addossata all’abside, una piccola casa rustica ed una torre cilindrica. Il Santuario è dotato al suo interno di tre altari ed è dedicato alla Beata Vergine del Carmine. La Madonna di Saiano è rappresentata da una statua in gesso che risale al XV secolo da sempre ritenuta miracolosa infatti, ogni 15 agosto, le partorienti si recava alla chiesetta a invocare la Vergine per un felice esito del parto. Tuttora il santuario festeggia la sua Madonna il 15 agosto. Il portale in bronzo della piccola chiesa è stato realizzato sulla base di un disegno dello scultore Arnaldo Pomodoro, e rappresenta il Marecchia e i suoi affluenti. Simbolicamente indica la Madonna che raccoglie, come il mare raccoglie i suoi affluenti, i numerosi fedeli per condurli fino a Dio. La Torre dalla forma cilindrica è l’unica cosa che resta dell’antico castello. I resti risalgono al X-XI secolo, ma è documentata solo dal XII secolo, fu possedimento dei Malatesta fino al 1462 poi passo ai marchesi Guidi di Bagno. 

L’antico Santuario della Madonna di Saiano è stato recentemente sottoposto ad un attento restauro conservativo che lo ha riportato al suo antico splendore. I primi lavori risalgono al 1926 ma il progressivo esaurirsi della comunità località portò la struttura ad un progressivo abbandono. Nel 1973 furono rubati gli ornamenti e le offerte della Madonna e fu anche rovinata la statua. In seguito furono fatti nuovi lavori di restauro e il Santuario della Madonna di Saiano è stato riaperto al culto il 15 agosto 1996; al momento è salvaguardato da alcuni frati francescani dell’ordine del cuore Immacolato di Maria provenienti dalla Colombia. Si tratta di cinque confratelli giunti in Italia per svolgere la loro apostolato.

Il Santuario della Madonna di Saiano si raggiunge facilmente. Provenendo da Rimini si imbocca la Strada Statale Marecchiese, giunti all’altezza della località Ponte Verucchio si attraversa il ponte e girando immediatamente a sinistra si trova la strada che porta direttamente al Santuario di Saiano. L’ultimo tratto di strada deve essere percorso a piedi. Chi vuole fare quattro passi in più subito dopo il ponte in direzione Villa Palazzi può lasciare l’automobile e proseguire lungo un sentiero che conduce fino al alveo del fiume. Da qui una pista pedonale conduce fin sotto la rupe di Saiano, il sentiero per salire si trova sulla destra. Saiano si può raggiungere anche attraverso tre sentieri segnalati lungo la strada tra Torriana e Montebello, li vicino infatti si trova anche l’altura su cui sorge la rocca di Montebello.

Oggi il territorio è parte dell’Oasi di protezione della fauna di Torriana-Montebello.

Annunci

Read Full Post »