Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 23 febbraio 2009

Chi decide di trascorre una giornata a contatto con la natura passeggiando per la campagna e per i boschi dell’entroterra romagnolo può ammirare vari tipi di vegetazione.  Le zone rocciose sono molte e si può spendere un po’ di tempo cercando le piante tipiche delle zone resistenti alla aridità, al sole e all’azione dei venti. Si tratta di organismi specialisti come il Sedum album e la S. maximum, il Vilucchio bicchierino, la Violaciocca e soprattutto la Ruta comune, dal forte profumo aromatico. Non è difficile trovare alcune specie di uccelli mediterranei che ben si adattano alla vita tra le rupi. Tra le pareti ricche di fessure possono nidificare il Gheppio e il Passero solitario, un uccello di colore blu (maschio) o marrone (femmina).

I calanchi sono ricoperti da una vegetazione erbacea ed arbustica, in alcuni punti anche molto complessa. In più punti i terreni sono instabili, franosi e soggetti a colate nelle fasi piovose, aridi e secchi nei periodi caldi. Le piante caratteristiche sono l’Agropyron pungens, l’Aster Linosyris e l‘Artemisia cretacea. Nelle zone più umide si trovano estese formazioni di cannuccia del Reno, una graminacea che trattiene il terreno e lo prepara per le specie più esigenti.

Visita La Republica di San Marino

Le tre torri di San Marino e l'entroterra romagnolo

Entroterra Romagnolo e le Tre Torri di San Marino

Lungo le sponde del fiume Marecchia e nei vari bacini artificiali presso il suo corso si trova una vegetazione paludosa composta da canneti di Canna di palude, particolarmente fitti dove l’acqua è ferma e poco profonda. Legate all’acqua vi sono piante come la Salcerella, la Mestolaccia e i giunchi. Trovando un buon posto di osservazione si possono studiare gli uccelli che si  fermano durante la migrazione per riposarsi e nutrirsi. Uccelli migratori sono come la Cicogna bianca, la Cicogna nera e il Falco pescatore. Alcune specie si sono insediate stabilmente a testimonianza che si tratta di una zona ecologicamente sana ed adatta alla riproduzione. Nelle garzaie di Nitticora hanno nidificato le  coppie di Garzetta e la Sgarza dal ciuffo, l’Airone rosso, la Marzaiola, la Pavoncella ed il Falco di palude.

Annunci

Read Full Post »