Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 25 gennaio 2009

Il Museo di Verucchio ha la sede presso un ex Monastero. Si tratta del Monastero di Sant’Agostino, che si trova fuori le mura cittadine di antica origine medievale, ad una estremità del paese.

Il Monastero risale al XII secolo e fu successivamente ampliato nel 1700, furono aggiunte la chiesa e le filande. Destinato a diversi utilizzi nel corso degli anni seguenti, finì con l’essere abbandonato al degrado ed alla rovina negli anni ’70. Sottoposto ad un lungo ed scrupoloso restauro fu destinato infine per le sue grandi sale a museo.

Nelle sale sono conservati i reperti archeologi rinvenuti nelle necropoli verucchiesi. Lo studio di questi materiali ha consentito di ricostruire la cultura e le tradizioni di una particolarissima civiltà sviluppatasi in queste terre tra il IX e il VII secolo avanti Cristo: la Comunità Villanoviana di Verucchio e sulle trasformazioni avvenute nel suo seno tra il IX e il VII secolo a. C. Gli oggetti rinvenuti sono utensili, come quelli per la tessitura, armi, bardature dei cavalli e gli elementi dei carri, oggetti usati per vita quotidiana come il vasellame, ceramico e bronzeo, rare stoffe per vestiti e arredi, suppellettili in legno per le case e altri materiali, molti raffinatissimi gioielli in ambra e in metalli nobili.

Il Museo Civico Archeologico si trova in Via S. Agostino, tel.0541/670222, chi arriva a Verucchio, per lavoro o per vacanza, non deve perdere l’occasione di ammirare gli oggetti qui custoditi.

Altre visite d’obbligo sono quelle alla Rocca Malatestiana o Rocca del Sasso, alla porta e alla Rocca di Passerello, alle Mura del Fossato, alla Chiesa Collegiata con i suoi due crocefissi del secolo XIV e XV e, fuori dal paese alla Pieve (secolo X) e al Convento francescano del 1215 dove si trova un antichissimo cipresso che ha la fantastica età di 700 anni.

Annunci

Read Full Post »